logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555

I conti in epoca di tassi negativi

21/11/2019
MilanoFinanza.it

Mentre le banche tedesche hanno cominciato ad applicare i tassi negativi (-0,5%) su tutti i conti correnti, a partire da 1 euro di liquidità versata, quelle italiane cercano di restituire una qualche forma di rendimento ai clienti che depositano il denaro. Anche se ottenere interessi senza effettuare investimenti in fondi non è sempre facile. Ad oggi, secondo gli aggiornamenti di Banca d'Italia, sono oltre 1.400 i miliardi di euro che gli italiani lasciano fermi in banca sotto forma di liquidità.
Nel contempo gli istituti, che fanno fatica proprio a causa del costo negativo del denaro, hanno ripreso ad applicare costi fissi per la tenuta del conto, anche di 10 euro al mese. Già oggi l'offerta dei conti deposito presente in Italia è tra quelle più interessanti a livello europeo, considerando che spesso le banche italiane utilizzano proprio questo strumento come un'alternativa alla raccolta tradizionale di liquidità. Risulta infatti più conveniente che emettere titoli obbligazionari. L'Osservatorio ConfrontaConti.it di ottobre 2019 conferma che nel nostro Paese la maggioranza dei conti deposito (62%) è vincolata, anche se in calo rispetto allo scorso anno. Sempre dalla stessa ricerca emerge che il 46,7% dei casi l'importo lasciato in parcheggio oscilla tra 15 mila e 20 mila euro, mentre solo il 21% destina a questo strumento capitali superiori ai 50 mila euro.

Prodotto: conti

Fonte: MilanoFinanza.it

Parole chiave

conti deposito online costi rendimenti confrontaconti.it

Articoli correlati