logo segugio.it

LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Condizioni di Utilizzo Opinioni degli Utenti Informativa Privacy News Segugio.it Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Normativa Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Preventivi Assicurazioni Mutui On Line Confronto Conti Prestiti On Line Confronto Tariffe Offerte Viaggi
Rassegna stampa Segugio

Il parcheggio remunerato dei conti deposito

24/10/2019 (Fonte: Il Sole 24 Ore)

Il Sole 24 Ore

I conti di deposito rappresentano ad oggi una delle più interessanti forme di investimento per i piccoli risparmiatori. Di cosa si tratta? Di speciali conti bancari (con tanto di Iban) dove il titolare parcheggia la propria liquidità a fronte di una remunerazione concordata. Nell'autunno del 2019 - stando alle ultime rilevazioni dell'Osservatorio ConfrontaConti.it - i conti deposito pagano in media un tasso netto positivo vicino all'1%. Un livello superiore sia ai BoT (che viaggiano sottozero così come i BTp fino a 3 anni) che all'inflazione (0,4%). Così in un momento storico in cui i mercati finanziari sono paradossalmente colpiti dalla bolla dei tassi negativi (nel mondo ci sono obbligazioni "sottozero" per un valore superiore ai 14 mila miliardi di dollari) e dove pertanto risulta sempre più difficile per un piccolo investitore estrarre del valore dagli asset finanziari, l'universo dei conti di deposito si pone come una sorta di ancora di salvataggio per chi è a caccia di rendimenti reali (depurati cioè per il costo della vita) positivi. Ovviamente non si tratta di strumenti del tutto privi di rischio e pertanto, prima di decidere se parcheggiare i propri soldi in un prodotto del genere, è bene conoscerlo un po' più in profondità.

Prodotti: Conti
Apri in Pdf
Stampa Segnala via email Apri pdf
ARTICOLI CORRELATI:
Guerra al cash, come salvarsi pubblicato il 7 ottobre 2019
Qui rincara il conto corrente pubblicato il 9 settembre 2019
Soldi? Meglio liquidi pubblicato il 3 giugno 2019
La tentazione del parcheggio pubblicato il 27 maggio 2019
Conti di deposito pi¨ generosi pubblicato il 3 dicembre 2018