logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555

Investimenti. Il Coronavirus accorcia le scadenze

24/04/2020
La Nuova Sardegna

L'emergenza sanitaria fa crescere la preoccupazione dei risparmiatori, anche di quelli che scelgono i conti deposito: per questo motivo, secondo l'Osservatorio di ConfrontaConti.it, nei primi mesi del 2020, il 53% di essi ha optato per scadenze brevi comprese tra i 7 e i 12 mesi. Soltanto il 13,7% ha scelto depositi con scadenza superiore ai 36 mesi e il 7,4% ha puntato su scadenze comprese tra i 25 e i 36 mesi; infine, il 9,9% si è orientato su durate brevissime, uguali o inferiori a 6 mesi. Tutti segnali, questi, dell'esigenza di poter disporre dei propri risparmi in caso di necessità. A livello geografico, la gran parte delle richieste di conto deposito proviene dal Nord Italia, mentre Centro e Sud Italia si dividono equamente la parte restante. Sembrano tornati di moda i conti deposito liberi: nella prima parte dell'anno le richieste dei conti senza vincoli sono state il 53%, dieci anni fa eranno appena al 14,1%. Le somme depositate sono sempre più consistenti, a riprova del fatto che gli italiani sono un popolo di risparmiatori: il 21,2% dei conti deposito contiene cifre superiori ai 50mila euro, mentre il 13,4% conta tra i 20mila e i 50mila, quasi metà delle richieste, però, è per importi tra i 15 mila e i 20mila (44,8%).

Prodotto: conti

Fonte: La Nuova Sardegna

Parole chiave

conti deposito investimenti confrontaconti.it scadenze vincoli

Articoli correlati